Il fantasma della libertà (1974)

Lascia un commento

9 dicembre 2012 di BkS

Film a episodi concatenati secondo una struttura a domino, attraverso l’entrata in scena più o meno casuale di nuovi personaggi. L’elemento di coesione è dato dall’irriverente gusto per lo sberleffo, lo spiazzamento, la decostruzione del discorso tipici del regista aragonese.

Da una partita a poker tra frati, in cui la posta del gioco è costituita da santini della Madonna e scapolari, a una scolaresca di gendarmi che si comportano come autentici monelli (con scritte alla lavagna contro i superiori, puntine da disegno sulla sedia dell’insegnante), sino all’episodio dell’invito in casa di amici, durante il quale il momento di socialità avviene nell’atto di defecare, mentre il pranzo viene consumato avidamente, in solitudine, in uno stanzino appartato: tutto avviene nel segno del sovvertimento dei codici e dei rituali.

Una sconsolata, ma divertita, riflessione di carattere autobiografico, sull’inutilità dell’artista e sulla voracità dell’industria dello spettacolo, si ha nell’episodio del killer del grattacielo.

Fonte: Wikipedia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: